domenica 25 novembre 2018

Andiamo alla Certosa di San Lorenzo

Chiostro di 1500 mq
Chiostro di 1500 mq

la Certosa più grande d'Italia

Prima di valutare il Cilento come meta per le ferie ignoravo l'esistenza della Certosa di San Lorenzo eppure ha diverse caratteristiche che la rendono speciale per esempio è patrimonio Unesco, è la Certosa più grande d'Italia oltre ad avere un chiostro di 15000 metri quadrati.
Si trova a Padula, antico centro abitato collocato nell'entroterra campano, nella provincia di Salerno, al confine con la Basilicata.
Arrivando si può  sostare in ampio parcheggio a pagamento, dotato di servizi igienici puliti, da cui si accede alla strada pedonale che conduce all'ingresso e biglietteria della Certosa. 

i bilgietti 

domani andiamo a
La nostra proverbiale fortuna ci ha portati qui la prima domenica del mese, pertanto non abbiamo pagato l'ingresso, qui trovate i dettagli dei prezzi.
Pagando 3 € ci hanno dato un libretto con le principali spiegazioni su cosa vedere e la storia di questa maestosa costruzione.

Alla scoperta della Certosa di San Lorenzo

il coro ligneo
il coro ligneo

Abbiamo quindi dato il via alla nostra esplorazione scoprendo che la realizzazione si deve a Tommaso II Sanseverino conte di Marsico e Signore del Vallo di Diano che in seguito la donò alla Chiesa, le terre intorno rimasero dei Sanseverino fino alla decadenza della famiglia a quel punto i monaci gestirono in completa autonomia la struttura  e la produzione di vino, formaggi, frutta e verdura come una vera e propria azienda con tanto di dipendenti.
domani andiamo a
Dell'impianto originale rimangono pochi elementi, nel tempo infatti è stata arricchita e impreziosita, dopo un periodo così fiorente, all'inizio del 1800 sotto il dominio napoleonico fu trasformata in caserma e i monaci vennero banditi, purtroppo con la loro cacciata furono portate in Francia molte opere d'arte e tesori custoditi al suo interno (alcuni furono salvati e conservati presso il Museo Reale di Napoli).
domani andiamo a
I Certosini rientrarono al termine del dominio napoleonico, ma con l'unità d'Italia venne dichiarata Monumento Nazionale cadendo nell' oblio fino ad essere utilizzata come carcere durante le due guerre mondiali. Fortunanatamente nel 1982 sono iniziati i lavori di restauro che l'hanno resa nuovamente visitabile. 
Camminando tra chiostri, cappelle, celle, locali di servizio e scale siamo stati rapiti dalla ricchezza delle decorazioni di alcuni locali in contrasto con la rigida semplicità delle celle di clausura. 

Curiosità 

domani andiamo a
il Chiostro della Certosa di Padula

Il grande chiostro che misura 104x105 m oltre ad essere imponente è misterioso, fino a quando non lo si raggiunge non si riesce a capire dove possa essere inserito in quel dedalo di corridoi e chiostri.
Altri due particolari ci hanno colpito molto, la scala a chiocciola in pietra  e l'imponente scala ellittica attraverso la quale i monaci transitavano per la passeggiata settimanale nel parco.
domani andiamo a
scala a chiocciola in pietra

Anche la cucina ha un fascino tutto particolare, si tratta infatti di una grande stanza con un camino enorme sotto cui è posto il focolare in piastrelle colorate, grandi tavoli in pietra come il grande lavandino. La cucina è nota per essere comparsa, unitamente ad altre parti della Certosa nel film di Francesco Rosi "C'era una volta" con Sofia Loren, in cui viene citato l'episodio della frittata di 1000 uova, si narra infatti che l'Imperatore Carlo V di ritorno dalla Terra Santa con il proprio seguito abbia soggiornato a Padula e che i monaci abbiano per l'occasione allestito un ricco banchetto con una frittata di 1000 uova appunto. In ricordo di tale evento quest'anno si è giunti alla 22° edizione della rievocazione storica dell'episodio, è da tener presente se ci si trova in zona ad Agosto  frittata 1000 uova
domani andiamo a
la cucina protagonista del film "c'era una volta"

Spero di aver suscitato un po' di interesse per un pezzo del patrimonio artistico italiano, durante la visita alla Certosa di San Lorenzo ho scoperto che in Italia ce ne sono parecchie e piano piano cercherò di conoscerle tutte.










domani andiamo ad Arquà Petrarca

Frencesco Petrarca ad Arquà Domani andiamo ad Arquà Petrarca Lasciata Montagnana al termine del blog tour di cui ho raccontato  qui ...

post più popolari